L’Italia dei fotografi da pescheria

Canalis 09-10-09

Trovacinema.repubblica.it di oggi 11/10/09 (noto sito di informazione cinematografica del Gruppo Editoriale L’Espresso).
Tra le importantissime notizie “cinematografiche” in primo piano si legge: “Eli compra il pesce per George – Nell’antica pescheria di piazza Garibaldi di Sulmona la Canalis ha acquistato una spigola e ha chiesto un consiglio su come cucinarla“.
Sono importanti informazioni di cui un appassionato cinefilo, o anche chi semplicemente cerca se un film venga proiettato nella sua città, non può fare a meno.
Si, perchè il collegamento col cinema è diretto. Cioè se ti piacciono i film ne avrai sicuramente visto uno con George Clooney. Naturalmente saprai che G.Clooney sta insieme alla Canalis, fatto di grossa importanza già di per se. Ma questo, caro spettatore del mondo di celluloide non ti basta. Sei ovviamente curioso di come la loro storia proceda. E quindi perchè mai non dovresti essere interessato a cosa la Canalis ha comprato per la cena di George. Ma la notizia bomba è che ha chiesto consigli su come cucinarla. Le riviste specializzate stanno preparando degli editoriali di diverse pagine in cui descriveranno la qualità dell’aglio usato nel soffritto dell’ex velina. Siamo riusciti a sapere che “Segno Cinema” di fine anno dedicherà un poster formato 120×160 della bottiglia d’acqua minerale bevuta in casa Clooney con, udite udite, 2 limoni in primo piano che vengono proprio da un albero piantato nel giardino dell’attore. I “Cahiers du cinéma” sono invece impegnati nella redazione di un saggio che verrà pubblicato nel numero di novembre. Il tema sarà la pettinatura di G.Clooney e della Canalis prima di mettersi il casco (per salire sulla moto) e dopo esserselo tolto, dando vita ad un imperdibile inserto: Tricofenomenologia moto-velino-cinematografica.
Nel prossimo numero: quali detersivi userà Elisabetta Canalis per smacchiare le camicie di George? Da non perdere.
E’ utile commentare la patina surreale che circonda il mondo del cinema? O il mondo in generale che la quasi totalità dei media ci propina?
No. Se nei siti dedicati all’universo cinematografico (italiano) si è andati così tanto oltre, ciò significa che è stato superato il punto di non ritorno. La grettezza e la bassezza intellettuale dei responsabili di questo comportamento (cioè ritenere che il pesce che una velina compra ad un attore sia una notizia) è purtroppo il prodotto di una società che ha abbandonato l’idea che i suoi membri siano esseri dotati della capacità di discernere tra cacca e pipì.
Il cinematografo.it scriveva il 7 settembre “Il cerimoniale della Mostra è già al lavoro mentre Il Giornale assicura che Elisabetta vestirà un abito firmato da Chanel e rinuncerà per un giorno alla conduzione di Trl su Mtv da Genova pur di raggiungere Clooney a Venezia. […] Dopo la proiezione del film, in cui Clooney recita al fianco di Kevin Spacey e Ewan McGregor, i due dovrebbero raggiungere il mega party organizzato per l’attore al Casinò di Venezia da Medusa“.
Si evince che anche l’ottimo “Il Giornale” si è occupato dell’importantissima relazione che attira l’attenzione dei media italiani.

Ma torniamo all’articolo di apertura, perché “Il Centro“, quotidiano abruzzese, ha trovato giusto pagare un certo Claudio Lattanzio per aver scritto le faccende quotidiane di Elisabetta Canalis che cucinerà la spigola al forno in guazzetto.
E’ chiaro su cosa si concentra l’attenzione?
Ora anche l’attenzione della nostra redazione si è focalizzata sull’argomento, ma solo per riuscire a gestire la nausea provocata da questo ulteriore tassello che va a comporre il mosaico di un’Italia rovinata da un abbassamento culturale degno dei peggiori bar di Caracas.
Anche quest’ultima similitudine è indice di quanto il messaggio pubblicitario, sovrano indispensabile di ogni medium, eserciti un forte potere di infiltrazione anche sulle menti più allenate al pensiero indipendente.
Eviteremo pertanto una critica di quanto successo. La notizia (come si sia guadagnata lo statuto di notizia è un discorso che fa riflettere) della Canalis che compra il pesce è cinema? Quando nessuno troverà più da obiettare ad una farsa talmente palese allora potremo chiudere le scuole e stare tutti insieme a rincoglionirci davanti alla televisione. Perchè studiare se basta fidanzarsi con un attore famoso e poi cucinargli il pesce? Si, ragazze, fate bene a voler diventare veline. Se vi andrà bene sarete seguite dai “giornalisti” anche in pescheria. E voi ragazzi, perchè studiare? Insistete coi provini in televisione. O diventate calciatori. Non vorrete mica finire a fare un lavoro vero? Come fareste senza fotografi in pescheria? Oppure diventate fotografi di pescheria. L’odore è un po’ invadente, ma poi ci si abitua, e se si sceglie la pescheria giusta si possono fare anche scoop come questi. Il Pulitzer è dietro l’angolo.


La redazione

Annunci

~ di giansignoremerendini su ottobre 11, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: